Breve storia del Pi greco

Breve storia del Pi greco

Che abbiate amato la matematica o, al contrario, l’abbiate detestata senza pietà, di sicuro sulla vostra strada avrete incontrato questo simbolo Π. Si tratta del “pi greco”, una costante utilizzata in matematica e geometria. A scuola ce lo hanno ripetuto chissà quante volte: il suo valore numerico è 3,14 (anche se le cifre decimali continuano all’infinito), o se ci riferiamo al valore definito in radianti, pi greco è uguale a 180°.

Tuttavia nonostante il rapporto tra circonferenza di un cerchio e il suo diametro è stato noto fin dall’antichità, sembra che il valore esatto del pi greco sia ancora ignoto. In questo articolo viene ripercorsa una grande fetta di storia del valore più controverso della storia della matematica. Nel caso in cui invece non volete avere niente a che fare con i numeri, allora cliccate su questi articoli qui in basso.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta