Taiwan, quartiere sventrato da fuga di gas, 25 morti

Taiwan, quartiere sventrato da fuga di gas, 25 morti

Una serie di esplosioni nella città del Sud del Taiwan, Kaohsiung, ha ucciso 25 persone e ne ha ferite altre 267, secondo quanto riferisce la Bbc. All’orgine del disastro una fuga di gas, che ha provocato una serie di esplosioni e fiamme altissime attorno alla mezzanotte di giovedì 31 luglio. Oltre mille abitanti del quartiere sono stati evacuati al di fuori delle zone considerate pericolose e ricoverate in scuole e altri edifici pubblici aperti per l’occasione durante la notte.

La National Fire Agency ha dichiarato in un comunicato che «la sede locale dei vigili del fuoco ha ricevuto telefonate relative a fughe di gas nella tarda serata di giovedì e poi ci sono state una serie di esplosioni attorno a mezzanotte, in un’area tra i due e i tre chilometri quadrati». 

Non è ancora chiaro cosa abbia provocato la fuga di gas. Il ministro degli Affari economici Chang Chia-chu ha detto: «Sospettiamo che la perdita di gas sia di propilene». Sono infatti molte le aziende petrolchimiche hanno diversi gasdotti che corrono lungo la rete fognaria del quartiere. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta