Noi e la dipendenza da Internet

Noi e la dipendenza da Internet

Internet e noi: che ha da dirci la psicologia? L’impatto è negativo, oppure non c’è mai nulla di veramente nuovo sotto il sole? Ci rende drogati, o siamo da sempre scimmie bisognose di una droga? Hanno ragione i conservatori o gli ottimisti che sperano nel progresso? Sbagliano i disincantati, anche se non lo ammetteranno mai e ci prendono in giro scrivendoci: «Errai, candido Gino?» Oppure i fiduciosi, e anche loro non lo ammetteranno mai?

Non vorremmo dare l’impressione di considerare internet solo una fonte di sofferenze emotive. Purtroppo siamo due psicoterapeuti, e quindi va a finire che parliamo di un disagio psicologico: la dipendenza da Internet (Internet addiction). Semplicemente, siamo esperti di dolori psicologici e parliamo di quello che meglio sappiamo.

Prendersela con Internet può; essere troppo facile. E scrivere “dipendenza da internet” è un po’ generico. In realtà si diventa drogati non di internet, ma di alcune attività che avvengono su questa piattaforma. Ad esempio il sesso e il gioco, ovvero il cybersex e l’online gambling.

L’esperienza virtuale modifica la dipendenza

Naturalmente, Internet ci mette del suo. Nulla di nuovo sotto il sole, sesso e gioco d’azzardo sono antichissimi desideri umani. L’esperienza virtuale però modifica la dipendenza. Il cybersex è un tipo di dipendenza sessuale con i “vantaggi del web”: anonimità e facilità di accesso. È facile rimanere nella privacy della propria casa, ingaggiati in fantasie impossibili nella vita reale. Discorso simile per il gioco, il gambling: possibilità di accesso in ogni momento del giorno e della notte e da ogni dove, da un qualsiasi dispositivo connesso.

Ormai Internet è disponibile con facilità in quasi tutti i posti di lavoro, sugli smartphone e nei luoghi pubblici. E l’uso compulsivo di Internet può interferire notevolmente con la vita lavorativa e sociale di chi ne abusa, determinando un vero e proprio disturbo.

Quel che rende l’uso di Internet una droga, una dipendenza è l’eccessivo uso della rete a discapito del lavoro e delle relazioni sociali e la difficoltà a disconnettersi nonostante le conseguenze negative sulla vita offline.

I segnali d’allarme che fa temere una possibile dipendenza da Internet sono:

• Perdere il senso del tempo online: ti trovi spesso a rimanere connesso più a lungo di quanto avessi previsto? Qualche minuto si trasforma in qualche ora? Ti irriti se vieni interrotto?

• Avere problemi nel portare a termine i compiti, a casa o al lavoro: ti ritrovi a fare tardi al lavoro per avere utilizzato internet per motivi diversi? A casa trascuri la spesa da fare, la lavatrice o altre commissioni per passare più tempo connesso?

• Isolamento dalla famiglia e dagli amici: pensi che nessuno ti capisca nella tua vita reale come invece fanno i tuoi amici online? Ti ritrovi a passare meno tempo con amici o famiglia e più tempo connesso alla rete?

• Sentimenti di colpa legati all’uso di Internet: ti irriti quando gli altri continuano a dire di spegnere il computer o di mettere giù lo smartphone? Non dici sempre la verità sul tempo effettivo speso online?

• Sentire un senso di euforia quando si è connessi: ti ritrovi a usare Internet come valvola di sfogo quando sei triste, stressato o cerchi eccitamento sessuale? Hai provato a ridurre l’uso di Internet e non ce l’hai fatta?

La letteratura scientifica ci informa che l’utilizzo di Internet si mantiene grazie a rinforzi molto innocenti

Internet facilita, sicuramente. La sua immediatezza, il suo essere a portata di dito contano. Però non è tutta colpa della modernità e della tecnologia. L’uso eccessivo di Internet è legato a problemi emotivi sottostanti, come l’ansia, la depressione, lo stress o la rabbia. Il web è utilizzato come modalità per “sentire meno” il disagio o per cercare di uscirne. Chi sviluppa dipendenza da Internet ha spesso anche una personalità ben determinata e propensa alla dipendenza, all’impulsività, alla ricerca di esperienze e sensazioni nuove e alcuni tratti di aggressività (Ko et al., 2010; Park et al., 2012; Ma, 2012).

Insomma, si oscilla tra eterne debolezze umane e nuove debolezze tecnologiche. Hanno ragione un po’ tutti: i e quelli che dicono che da sempre l’umanità è un legno storto. Quello che non si capisce bene è l’impatto che l’utilizzo del web ha su persone con una dipendenza da Internet rispetto a chi non ha questo problema. La letteratura scientifica ci informa che l’utilizzo di Internet si mantiene grazie a rinforzi in fondo molto innocenti, come ad esempio il divertimento, il passare del tempo o il cercare informazioni. Quindi non sembra che sia il caso di prendersela con Internet.

Però, se questo è vero per la maggioranza degli utenti, sembra che altri meccanismi, più legati all’impulsività, siano in azione nel mantenimento dei peggiori comportamenti legati all’uso di Internet. Insomma, Internet è innocente, ma in alcuni di noi tira fuori il peggio.

Per capirci di più in questo dilemma, una ricercatrice italiana, Michela Romano, è andata a indagare come il tempo passato su Internet influisca su persone che sono o non sono già consumatori abituali di Internet. I risultati parlano chiaro: l’utilizzo di Internet ha un pesante impatto negativo sull’umore, soprattutto nel gruppo di chi è già drogato di internet. Insomma, Internet è innocente, ma in chi già ha esagerato e già si è drogato di Internet, Internet stesso moltiplica il disagio ulteriormente, rafforzando la spirale di dipendenza. Siamo tutti un po’ schiavi di antichissime passioni, ma in chi ha già ceduto Internet rafforza le catene.

BIBLIOGRAFIA:

Romano M., Osborne L.A., Truzoli R., Reed P. (2013), Differential Psychological Impact of Internet Exposure on Internet Addicts, PLoS ONE 8(2): e55162. – http://dx.plos.org/10.1371/journal.pone.0055162

Ko C.-H., Hsiao S., Liu G.-C., Yen J.-Y., Yang M.-J. et al. (2010), The characteristics of decision making, potential to take risk, and personality of college students with Internet addiction , «Psychiatry Research», 175: 121–125.

Park S., Park Y., Lee H., Jung H., Lee J. et al. (2012), The effects of behavioral inhibition/approach system as predictors of Internet addiction in adolescents . Personality and Individual Differences.

Ma H. (2012), Internet addiction and antisocial internet behavior of adolescents , «International Journal of Child Health & Human Development», 5: 123–130.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta