Gli ingorghi immensi della Golden Week cinese

È una settimana di vacanza istituita nel 1999 per favorire il turismo interno. Circa 120 milioni di cinesi si mettono in macchina e si spostano. Con risultati prevedibili

A molti capita di rimanere imbottigliati nel traffico. È terribile e frustrante. Ma a molti altri capita anche di rimanere imbottigliati nel traffico alla fine della Settimana d’oro in Cina. Ed è molto più terribile e molto più frustrante. Guardare per credere:

 https://www.youtube.com/embed/uBWz_FVGjYQ/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

La “golden week” è una festività che dura (guarda un po’) una settimana. Era stata istituita dal Partito nel 1999 per favorire la crescita del turismo interno al Paese e, al contempo, rendere un po’ più piacevole la vita (cosa meglio di una vacanza?). Per mantenere in vita l’immensa macchina produttiva cinese è stato pensato un sistema che combina tre giorni pagati e tre giorni di weekend. I turni di lavoro sono organizzati per garantire a tutti quasi sette giorni di fila di vacanza. Quella standard comincia il primo di ottobre.

Il problema è che le persone che si mettono in marcia sono tantissime. Nel 1999, il primo anno, erano 28 milioni (poco meno della metà degli italiani). Nel 2007, quando l’istituzione è diventata molto più popolare, si è arrivati a 120 milioni (cioè il doppio degli italiani). Cosa succede se tutte questa gente sale in auto e si avvia in autostrada? Semplice: l’ingorgo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta