Corso (scherzoso ma rispettoso) per diventare disoccupati

Un video illustra, sotto la forma della lezione universitaria, cosa deve fare un disoccupato professionale. Lettere, cv, vestiti e scuse pronte. Un modo per ridere e alleggerire la tensione

Uno dei fenomeni più preoccupanti d’Europa è, senza dubbio, la disoccupazione. È una piaga silenziosa, ma quotidiana, ampia e diffusa in tutti i Paesi. In Italia, quella giovanile arriva al 40%. In Francia arriva al 24,1%. Nel resto del continente resta un problema: le persone si spostano per cercare lavoro, quando non sono già rassegnate (i neet) e non cercano nemmeno una formazione sufficiente per trovarne uno nuovo.

Non lavorare stanca. Fiacca gli animi e le forze. E, in più, sottrae dignità. Perché è (ingiustamente) severo lo sguardo della società verso chi non lavora, lo indaga con un tacito rimprovero e un ancor più tacito sgomento. Il lavoro non è mai sicuro, e la disoccupazione fa paura, soprattutto a chi disoccupato non è.

E allora, si può scherzarci su? È possibile? Ci si prova in questo video: è in francese (ma si possono mettere i sottotitoli – sempre in francese) e racconta un fantomatico corso universitario di “disoccupazione”. Si insegna come vestirsi (tuta), quali scuse utilizzare quando qualcuno chiede “cosa fai nella vita?” (mai dire “disoccupato”, è la fine) e come trattare le lettere di risposta ai curriculum. È simpatico, ed è un buon punto di partenza. Alleggerisce il dramma, non per essere irrispettoso, ma per stemperare la tensione. E se l’animo è più leggero, poi, forse, da quel momento, le cose possono anche andare meglio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta