Gli esercizi per il cervello? Sono tutti inutili

L’industria del brain training si è evoluta a livelli impressionanti. Ma la verità, forse, è che basterebbe solo muoversi un po’ per mantenere vivo il cervello

Migliorare la memoria, le capacità di ragionamento, allungare la durata dell’attenzione. Tutte co se che farebbero comodo a chiunque: con un cervello più sveglio si lavora meno ma in modo più efficace. Non per nulla intorno a queste esigenze è cresciuta un’intera industria: giochi mnemonici, app per approfondimenti, software, siti internet, interi corsi per allargare le proprie cognitive abilità. Soprattutto per chi vede il declino imminente, cioè gli anziani: tecniche per rallentare l’invecchiamento, corsi di brain training.

La domanda è: funzionano? Secondo uno studio dell’Università di Cambridge del 2010, “non c’è nessuna prova”. Ma come? Davvero?

Pare di sì. La verità è che per migliorare le prestazioni del cervello, non bisogna allenare il cervello, ma il resto del corpo. Mens sana in corpore sano, dicevano gli antichi, e non parlavano a caso. Uno studio di Charles Hillman, condotto sullo stesso tema del primo, dimostra che l’esercizio fisico funziona sia per i bambini.

E cosa serve fare? Secondo un altro studio, basterebbe una passeggiata di 20 o 25 minuti almeno, più volte alla settimana. Alla faccia dei memory game.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta