Discesa libera sui pattini, lo sport più pazzo del mondo

Una corsa folle, tra pendenze mozzafiato, salti, gradini e curve a gomito. La star è un ex giocatore americano di hockey. Pronti a provarci?

In inglese si chiama “Ice cross downhill”, letteralmente discesa libera sul ghiaccio e basta guardare i video per capire che si tratta di uno degli sport più adrenalinici e pazzi del mondo. Per dire, si corre in discesa, con ai piedi dei pattini da ghiaccio ed in contemporanea con altri pattinatori che si gettano a capofitto da discese strette, con pendenze probitive, inframezzate da salti, ostacoli, curve a gomito, scalini. Per almeno un paio di chilometri.

Difficile ne abbiate sentito parlare, a meno che non siate dei cultori della materia. Ma è da almeno quindici anni che questa disciplina esiste e che ha il suo campionato mondiale. A organizzarlo – e chi se no – è la Red Bull, azienda leader nella produzione di energy drink, ma anche uno dei principali organizzatori di eventi che riguardano gli sport estremi.

L’evento principale però è la Riders Cup, una sorta di evento a sé, pur facendo parte del circuito del campionato mondiale, la cui vittoria, da sola, vale un quarto dei punti disponibli per vincere il mondiale.

Attualmente, il più forte ecelebre discesista sui pattini è un americano di nome Cameron Naasz, un ex giocatore di hockey che ha vinto le ultime due gare del mondiale, a Edmonton e a Quebec City. Qui, tanto per rendere l’idea, il video della sua prima vittoria, a Edmonton, lo scorso marzo. Siete pronti a provarci?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta