Se si chiama aereo, perché si parte dall’aeroporto? Risponde La Crusca

Attenzione alle vocali. Secondo quanto spiega l’Accademia, le forme corrette sono solo “aeroporto” e “aeroplano”

Perché si scrive aereo ma aeroporto? Ce lo chiedono, tra gli altri, C. Actis, L. Birzoli, R. Momesso, T. Ospici, V. Volante. Riportiamo qui la risposta data da Luca Serianni nella Crusca per Voi (n.1, ottobre 1990), p. 9.

È più giusto scrivere aereoporto o aeroporto, aereoplano o aeroplano?

«Le forme corrette sono solo aeroporto e aeroplano. Aeroplano è una parola di origine francese formata col prefisso aero- ‘aria’ che si ritrova in aeronautica,aerosol, aerostato. Da aeroplano è stato poi ricavato un secondo prefisso aero-, con riferimento al traffico aereo (di qui aeroporto, ma anche aeromodellismo,aerosiluro, ecc.). Le varianti aereoplano e aereoporto sono dovute all’interferenza di aereo, che “non è, come qualcuno crede, l’abbreviazione diaeroplano, ma la forma sostantiva dell’agg. aèreo (latino aèreus), e l’abbreviazione, cioè della frase ‘apparecchio, o veicolo, aèreo'” (Gabrielli).

Quanto ad areoporto ed areoplano, si tratta d’un’alterazione popolare che dipende dall’eccezionalità di parole che presentano la sequenza ae-».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta