I consigli per rendere più veloce la tua rete wi-fi

Non sempre la nostra rete domestica funziona come dovrebbe. Bastano alcune piccole regole da applicare, per migliorare il nostro accesso al web ed evitare di lanciare i nostri device dalla finestra in un "raptus da rotellina".

Non sempre la nostra rete domestica funziona come dovrebbe. A volte stiamo caricando un articolo (di Linkiesta ad esempio, ma è il primo nome che ci viene in mente), un video su YouTube, un film. Non vediamo l’ora, ma ad un certo punto compare quella maledetta rotellina sullo schermo.

Spesso e volentieri non è un problema di computer o smartphone, ma appunto di come lavora il nostro wi-fi. Su Vox, ci sono alcuni consigli interessanti per farla funzionare al meglio. Sono piccole regole da applicare, per migliorare il nostro accesso al web ed evitare di lanciare i nostri device dalla finestra in un “raptus da rotellina”.

Un aspetto importante da considerare è questo: i segnali che arrivano dal router possono essere bloccati o limitati da muri, altri oggetti elettronici e persino persone. Il primo consiglio è quindi quello di mettere il router in una zona che sia il più possibile al centro della vostra casa: la macchina tende ad emettere segnali in ogni direzione, dunque metterla in un angolo significa disperderne molti. Allo stesso modo, è sempre meglio non appoggiarli al pavimento: i segnali spesso non riescono a penetrare materiali solidi come metallo e cemento, che sono presenti su ciò che calpestiamo in casa.

Al contrario, altri materiali possono assorbire i segnali: perciò è importante mettere il router in uno spazio aperto; non andrebbe cioè chiuso in un mobile, ad esempio. E sarebbe anche il caso di metterlo lontano da altri oggetti elettronici, perché possono interferire con il segnale del vostro wi-fi: sconsigliatissima sorattutto la vicinanza con macchine che emettono onde elettromagnetiche. Occhio anche a specchi e acquari: alcuni metalli e l’acqua possono bloccare il segnale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta