Le armi segrete di Bernie Sanders per sbancare alle primarie

Oltre a sondaggi che lo danno in crescita, gioca molto un endorsement inaspettato dal mondo dello spettacolo

La corsa alle primarie democratiche è partita: chi vincerà? Fino a poco tempo fa non si sapeva. Hillary Clinton? Per molti sì. L’unica in grado di fronteggiare uno come Trump. Doveva solo superare qualche problema con la posta elettronica. Oppure Bernie Sanders? Chissà. I sondaggi ondeggiavano, le previsioni vacillavano, l’incertezza regnava suprema. Poi, dal nulla, è arrivata lei:

Also sprach Ratajkowski. L’endorsement della modella/attrice/ballerina/bomba sexy ha spostato voti (almeno, ha spostato like) e Sanders ha visto crescere gli apprezzamenti in modo impensabile. Un sondaggio (ma a che servono i sondaggi, oggi?) lo premia già vincitore dello scontro. Gli americani applaudono (e non solo loro). Il candidato democratico, insomma, c’è. Forse è già presidente.

 https://www.youtube.com/embed/yyDUC1LUXSU/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Insomma, con un solo post la fanciulla ha dato disposizioni alla politica degli Usa. Ha deciso vincitori e vinti, ha condizionato scelte, indirizzato preferenze. Meglio di Renzi. Lo avesse fatto mesi fa con Ignazio Marino, oggi sarebbe Presidente della Repubblica.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta