Per le scuole del Qatar “Biancaneve” è indecente

In fondo hanno ragione, almeno secondo certi standard. Ma se vogliono imparare la cultura anglosassone devono passare di lì

Quando il padre ha visto il libro nelle mani della figlia, è saltato sulla sedia dall’ira. Che vergogna, che indecenza, ha pensato. E da lì, è stato un attimo correre alla scuola, dove era stata preso il volume dalla fanciulla e lamentarsi, fino a ottenere ragione. “Giusto, ci perdoni”, ha risposto mortificato il preside. “Non accadrà più”. E così, sentito anche il parere del Consiglio supremo per l’istruzione, dalla Sek International School di Dafna è stato bandita l’edizione Penguin di Biancaneve. Quella ispirata alla versione Disney e ridotta per i bambini. Motivo? Indecente, inaccettabile. Offende i valori del Qatar.

La storia è riportata da Doha News, che sottolinea il dolore del preside e aggiunge la pioggia di tweet di condanna da parte di altri genitori. Biancaneve contiene immagini indecenti (quali saranno? In copertina c’è lei con il Principe, forse è quella) che offendono un Paese dove baciarsi e abbracciarsi in pubblico, per membri dello stesso sesso, è considerato inopportuno.

Ma non è solo la copertina. Il libro (va ricordato, è Biancaneve, non La nuova Justine di De Sade) è pieno di “insinuazioni sessuali”, e per questo va ritirato. Del resto, il protocollo per le scuole del Qatar è chiaro, e deve essere rispettato. Per questo l’istituto si è subito scusato e ha ritirato il libro dalla biblioteca, facendo tutti contenti.

Da un punto di vista neutro, la storia di Biancaneve è, in effetti, scandalosa: in primo luogo, c’è una donna che convive con altri sette uomini. In secondo luogo, si risolve grazie a un principe necrofilo che si innamora di una morta (si scoprirà poi che non lo era) e la bacia, risvegliandola. Lei, senza nemmeno conoscerlo, se ne innamora. Sono tutte cose piuttosto oscene e, in ultima analisi, diseducative.

Ma tutto sommato, l’ira del genitore è sbagliata. Dal momento che si sceglie di iscrivere i figli a una scuola internazionale, cosa ci si aspetta che impareranno? Quale cultura verrà insegnata? Quali modelli saranno presenti? Si può volere la capra e il cavolo, ma non si può conoscere la cultura occidentale (in questo caso, quella anglosassone) senza nemmeno frequentare le favole che fanno crescere milioni di americani e di europei.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta