CASI DELLA VITARimedio istantaneo per Marò in difficoltà

Se vi buttassero a mare, mani e piedi legati, come scampereste al sicuro annegamento? Cosa fare, spiegato bene

Naturalmente vi auguriamo di passare il vostro tempo, libero e no, con le compagnie più selezionate ed eleganti, o magari ineleganti ma interessanti, rudi ma affettuose, ecc ecc.

Fatto sta che gli inconvenienti accadono. E che a volte le brutte frequentazioni non sono subito individuabili. In tema imprevisti piuttosto hardcore, potrebbe forse succedervi, mentre vi trovate su un’imbarcazione, di essere ammanettati dietro la schiena e buttati a mare coi piedi legati da qualcuno che per un motivo o per l’altro vi vuole male, e sta concretamente cercando di farvi fuori per annegamento.

E’ una possibilità remota, a meno che non siate pirati, o contrabbandieri, o pescatori di frodo con esplosivi, o amanti riluttanti su un cargo battente bandiera liberiana, o marò (sic!) o più banalmente migranti antipatici allo scafista su un gommone nel canale di Sicilia. Ma è una possibilità.

E dove c’è qualcosa che si interpone tra voi e la irrinunciabile mediocrità della vita, c’è anche un ex navy seals che vi spiega come cavarvela. Il libro 100 Deadly Skills: The SEAL Operative’s Guide, ecco un pronto accomodo, casomai vi capitasse di trovarvi nell’incresciosa situazione testé descritta.

Ecco come fare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta