Sicurezza e internet: l’aggiornamento che taglia fuori i Paesi poveri

Vanno in pensione i vecchi algoritmi per proteggere le informazioni su Internet. Ma questo significa escludere ampie fette di popolazione in Asia e Africa con vecchi telefonini. Facebook chiede una moratoria

Temendo di perdere utenti in alcune delle regioni più povere e oppresse del mondo, fornitori quali Facebook e CloudFare stanno avanzando richieste per un passaggio più graduale al nuovo standard di crittografia Web che proteggerà tutto, dai siti di social media alle transazioni online.

A partire da questo mese, i browser dovrebbero cominciare ad escludere l’algoritmo conosciuto come SHA-1 al fine di sostituirlo con il suo successore, lo SHA-2, entro il 2017. Facebook e CloudFare, che fornisce connessioni sicure e veloci per le pagine Web, vorrebbero permettere ai possessori di dispositivi non compatibili con lo SHA-2 di continuare a utilizzare lo SHA-1.

Quando gli utenti di Internet visitano un sito protetto, lo scambio di informazioni a due vie viene protetto in parte da uno strumento di crittografia conosciuto come funzione hash. Questi algoritmi convertono un qualunque messaggio in un unico miscuglio di lettere e numeri che assicura la provenienza del messaggio dalla fonte corretta. In presenza della dicitura “https” all’interno dell’Url, è possibile che il sito web visitato stia utilizzando lo SHA-1. Questi saranno i primi siti il cui accesso verrà negato ad una piccola porzione di utenti della Rete.

In presenza della dicitura “https” all’interno dell’Url, è possibile che il sito web visitato stia utilizzando l’algoritmo di sicurezza SHA-1, in via di superamento. Questi saranno i primi siti il cui accesso verrà negato ad una piccola porzione di utenti della Rete

Dalla metà degli anni ’90, due funzioni hash hanno ricoperto il ruolo di principali protettori dei browser per consumatori. Con l’aumentare della potenza di calcolo, e il diminuire dei costi, la facilità con cui è possibile violare questi strumenti è cresciuta. Il secondo sistema, denominato algoritmo MD5, è stato rimosso nel 2008 dopo che alcuni ricercatori hanno identificato una serie di gravi difetti di sicurezza. Si stima che il costo per una violazione del hash SHA-1 si aggiri oggi intorno ai 100.000 dollari – una cifra che continuerà a scendere.

«Le persone hanno praticamente riconosciuto che quanto è accaduto con l’algoritmo MD5 ha probabilità sempre più alte di verificarsi con lo SHA-1», spiega l’amministratore delegato di CloudFare, Matthew Prince.

La soluzione più efficace consiste nel sostituire lo SHA-1 con il più sofisticato SHA-2. Rispetto a MD5 e SHA-1, che sono sempre stati compatibili con i dispositivi commerciali, lo SHA-2 è stato implementato per la prima volta nel 2001. I possessori di dispositivi datati – in particolare i telefoni cellulari più comuni nei Paesi di Africa ed Asia – potrebbero restare tagliati fuori dai siti web crittografati e non disporre delle risorse per effettuare un aggiornamento. CloudFare stima che il 6,08 percento dei browser in Cina non dispone del supporto per lo SHA-2. In Siria, si parla invece del 3,63 percento.

I possessori di dispositivi datati – in particolare i telefoni cellulari più comuni in Africa ed Asia – potrebbero restare tagliati fuori dai siti web crittografat. CloudFare stima che il 6,08 percento dei browser in Cina non dispone del supporto per lo SHA-2

Richard Barnes, capo della sicurezza Firefox presso Mozilla, dice che la società ha rilevato che solo il 3 per cento dell’intero traffico web utilizza il sistema di validazione SHA-1.

«L’interruzione dell’esperienza online di questi utenti è positiva per la Rete», dice Barnes. «L’impiego di un software antiquato è pericoloso; oltre a richiedere una crittografia ormai compromessa, un vecchio software presenta solitamente altri problemi di sicurezza che sono già stati risolti nelle versioni più recenti».

Se esiste alcuna ragione per continuare a supportare lo SHA-1, è affinché gli utenti trovino il tempo per scaricare un nuovo software in grado di supportare l’aggiornamento, dice Barmes. Firefox aveva già abbandonato lo SHA-1 lo scorso anno, ma si era poi vista costretta a recuperarlo dopo aver rilevato un forte calo nei download di Firefox. Gli utenti con browser più vecchi non potevano più connettersi a mozilla.org per scaricare il nuovo software compatibile con il sistema SHA-2.

Con il continuo calare dei prezzi, anche lo SHA-2 diventerà obsoleto e necessiterà di un successore. Molti degli odierni dispositivi non supportano lo SHA-3. Tecnologie come l’informatica quantistica potrebbero improvvisamente rendere l’intera famiglia di algoritmi facile da infrangere.

«Questa è una pratica che dovremo ripetere più volte», dice Prince. «L’allestimento di un meccanismo con il quale supportare responsabilmente i vecchi sistemi nel periodo di transizione a quelli moderni è semplificherebbe l’intero processo di migrazione».

Articolo tratto da Mit – Technology Review Italia

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta