Se i gatti diventano allergici agli uomini

Non sono solo gli esseri umani che non possono tollerare i poveri felini. È una cosa reciproca, con in più il fatto che loro ci disprezzano

Esistono gatti che sono allergici agli uomini. Proprio così, certe volte il mondo funziona al contrario. I poveri felini, come molti altri animali, sviluppano allergie. Sia quelle stagionali contro polline, erba, o pulci e acari della polvere. Sia quelle permanenti. Tra queste, figura anche l’allergia nei confronti degli uomini.

Come spiega la veterinaria americana Sandy Willis, anche i gatti (come topi, cani e uomini) quando interagiscono con un allergene, hanno reazioni fisiologiche. Liberano anticorpi, come l’immunoglobina E che provocano il rilascio di istamina e altri componenti chimici. Risultato? Pruriti, naso annacquato, orticaria e sfoghi vari. Insomma, le classiche manifestazioni dell’allergia.

Gli uomini possono essere fonte di allergia attraverso i loro peli, capelli e (orrore) scaglie di pelle morta. Per questo, visto che (si spera) sono dispersi nell’ambiente in quantità molto limitate, sono rari i casi in cui i gatti diventano intolleranti nei confronti degli uomini, mentre è più diffuso il contrario.

C’è da ricordare che il povero felino trova fastidioso, oltre all’essere umano in generale, il suo profumo, in particolare quando è ancora impregnato da componenti chimici artificiali. Sono più sensibili all’odore dei detergenti, dei saponi e dei profumi chimici. E anche in questo caso possono sviluppare allergie. Per cui, se il gatto vi evita, potrebbe essere allergico. Oltre al fatto che, certo, non vi considera degni della sua attenzione.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter