Contrordine: la seconda guerra mondiale è ancora in corso

Giappone e Russia si sono sempre rifiutati di firmare il trattato di pace a causa di un contenzioso su quattro isolette molto piccole ma molto ricche. Non è una cosa formale: le ostilità continuano

Nonostante tutti gli accordi di pace firmati, la caduta di Berlino, la conferenza di Yalta, la seconda guerra mondiale non è ancora finita. In senso tecnico, non metaforico. Non se ne era accorto nessuno, ma il conflitto sopravvive in quattro piccole isolette vulcaniche tra Russia e Giappone. Sono, per i giapponesi, i Territori del Nord – per i russi le Kiril del Sud. In italiano sono le isole Curili. Cambiano i nomi, ma sono sempre le stesse.

Dopo il nove agosto 1945, cioè dopo lo sgancio della bomba atomica su Nagasaki, i russi hanno approfittato della situazione di debolezza del vicino e le hanno invase. Sono ricche di pesci, minerali e altre risorse minerarie. Tokyo non l’ha presa bene, ed è cominciato un contenzioso infinito, che continua anche oggi. Come ripicca, né Russia né Giappone hanno mai firmato il trattato di pace che, in modo formale, avrebbe posto fine alla Seconda Guerra Mondiale – che, a livello tecnico, sarebbe ancora in corso. Ma se si guarda bene, anche a livello pratico.

Dopo l’invasione i russi hanno scacciato i 17mila giapponesi presenti, hanno costruito un avamposto militare notevole e imposto la loro presenza. Come si ricorda qui, nel 2011 il presidente russo Medvedev le ha dichiarate “territorio russo inalienabile”. E i giapponesi non l’hanno presa bene, tanto che hanno messo in piedi manifestazioni, proteste e bandiere russe bruciate. Sotto, non ci sono solo questioni di orgoglio nazionale: c’è il petrolio, ad esempio, e le riserve di gas, e i depositi di renio (materiale prezioso per l’industria bellica). Per questo i 30mila russi residenti vivono in uno stato di allerta permanente: le armi di difesa sono piazzate, e puntano tutte verso il Giappone.

La guerra guerreggiata, al momento, sembra lontana. Ma non è un’ipotesi esclusa dal tavolo: dal momento che tutti i tentativi di trovare un accordo, e di conseguenza firmare la fine di questa benedetta Seconda Guerra Mondiale, sono falliti, il futuro potrebbe portare a uno scontro tra Giappone e Russia. A calcio l’ultima volta è stata nel 2002, e ha vinto il Giappone.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta