Tutti gli accenti parlati in Gran Bretagna in un minuto e mezzo

Viaggio a volo d’uccello sulle isole del Regno Unito, ad ascoltare come si parla in ognuna di quelle zone. Risposta: in modo molto vario

Non è difficile distinguere l’acento inglese da quello americano, per chi già un po’ mastica la lingua, e guarda un po’ di film. In generale, il suono di come parlano i britannici suona sempre più snob e raffinato, a differenza del tipico americano, che incarna (anche nei modi, forse), un accento più vitale e da simpaticone.

Ebbene, se invece ci si fermasse soltanto al Regno Unito, si noterebbe che la varietà di accenti, anche qui, è piuttosto varia (certo, non come in Italia, sotto questo aspetto imbattibile). Certo, in inglese il modo in cui si parla dice molto della propria origine, della classe sociale, del proprio stato civile, e in genere del modo in cui si vede. Ma le varianti regionali esistono, eccome.

Lo dimostra questo video dell’attore Andrew Jack, esperto in dialetti ed accenti, che in 84 secondi riproduce circa 14 forme di accenti inglesi. Il viaggio parte da qui:

 https://www.youtube.com/embed/-8mzWkuOxz8/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Ma allora, quando si parla di accento inglese, a quale ci si riferisce? A quello della regina, of course, più o meno simile a quello londinese.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta