Come decidere lo stipendio durante un colloquio di lavoro

Meglio arrivare preparati, evitare in generale la questione (il candidato avrebbe la peggio) e se proprio insistono, spararla. Ci sarà sempre tempo per scendere

È un momento cruciale in tutti i colloqui di lavoro: lo stipendio. Quanto chiedere? Quanto aspettarsi? Come negoziare? Ma soprattutto: come si affronta l’argomento?

Parlare di soldi, si sa, non è da signori. Per questo molti consigli sulle job interview sorvolano sulla questione che, in fondo, è la più importante: il salario. Più che concentrarsi sulle aspettative future e sulle opportunità di carriera, dare un’occhiata a quanto si riceverà non è una cattiva idea.

Prima di tutto, non bisogna farsi trovare impreparati. La cosa più furba sarebbe informarsi, più o meno, sullo stipendio medio che si riceve in quella posizione. Serve per farsi un’idea, e avere una base di partenza per contrattare. Si può consultare anche qualche sito, come questo o questo, per chiarirsi le idee.

Durante il colloquio, è bene prepararsi alla domanda fatidica: “Quanto prende ora? Qual è il suo range di stipendio?”. È importante: come insegnano tutti i maestri di negoziazione, ogni risposta sarà decisiva perché fissa uno dei parametri (se va male, il più alto) del quadro della discussione. È così che il datore di lavoro riesce ad avere la meglio: rispondendo con un numero, spesso, ci si autodanneggia. L’azienda dovrebbe offrire uno stipendio basandosi sull’esperienza e sulle abilità del candidato, che a sua volta non dovrebbe dare una valutazione estemporanea.

La mossa giusta allora è rimbalzare la domanda: “Preferirei prima ricevere un’offerta concreta di lavoro”. Forse non è ciò che vorrebbero sentirsi dire, ma almeno chiude la discussione. È meglio.

Una mossa ancora migliore è quella della “valigetta”. È un po’ un’americanata, ma forse funziona: quando l’intervistatore pone la fatidica domanda, si tira fuori una valigetta, si estrae un foglio e lo si legge: si parlerà di tutte le cose buone che il candidato potrà fare nell’azienda. Innovazioni, idee, contributi. È una controfferta efficace, che mette al centro le proprie abilità, l’esperienza, i suggerimenti. Si esce dal mondo dei numeri (dove, ricordiamo, il candidato ha quasi sempre la peggio) e si entra in quello dei meriti (presunti).

E se proprio insiste? Spararla. La cifra più alta nel range è la risposta giusta. Di solito il datore di lavoro non la aumenterà e anzi tenderà ad abbassarla. Meglio partire da una quota elevata, per poi arrivare a un prezzo giusto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta