Pasti regali: la dieta della longevità della regina Elisabetta II

Una routine fissa di quattro modesti pasti al giorno, molto tè e un gin serale. Così si rimane vivi a lungo, snobbando il cibo biologico del figlio Charles

La longevità vien mangiando. A tavola si decide non solo la durata della propria esistenza, ma anche la sua qualità. È un concetto facile da comprendere, ma molto difficile da applicare. A meno che si sia la regina d’Inghilterra e si abbia a disposizione, grazie alle tasse dei sudditi inglesi, un cuoco personale.

Come spiega John Higgins, ex capocuoco di Buckingham Palace, la regina dispone con estrema libertà del suo regime alimentare – e anche di quello dei suoi cani, che ricevono un trattamento regale dello stesso livello. Per lei ci sono quattro pasti (modesti) al giorno. La colazione (alle 9:00 tassative: il marito, che la fa alle 8:30, non vuole essere disturbato) prevede corn flakes o Special K, insieme a un sacco di frutta: albicocche, prugne e nocciole. Quando è nella sua residenza di campagna, gradisce le fragole di bosco. Certo, ogni tanto un uovo ci scappa, insieme a un toast con la marmellata. Il tutto innaffiato da un bel tè del Darjeeling. Come si vede, the Queen snobba con saggezza l’usanza tutta british di mangiarsi il bacon.

A pranzo Elisabetta II, che non è “una foodie”, come ha dichiarato un altro ex capocuoco (ce ne sono stati tanti), Darren McGrady, si concede pesce. Meglio la soglia del Dover, servita su un letto di lattuga o di zucchine. L’importante è che non ci siano le patate (altro che regina degli Inglesi) e neppure l’aglio. Graditi i manghi, eccome. Si mangia e ci si rilassa, in attesa dell’ora del tè, come da tradizione accompagnato da torte e dolciumi (crema, frutta, cioccolato) e altri toast (senza crosta!), stavolta con salmone affumicato, maionese all’uovo, prosciutto e mostarda, secondo quella tradizione inglese e del centroeuropa di non saper distinguere le cose dolci da quelle salate.

Dopo i tre pasti “modesti”, segue un gin serale (un terzo gin e due terzi Dubonnet), secondo l’abitudine di oltremanica di non farsi mai mancare l’alcol, e poi la cena. Selvaggina o pesce, o entrambi, seguiti da pudding, frutta fresca – in particolare le pesche che crescono a Windsor. “Non mangia tutto”, spiega l’ex cuoco. E quello che sbriciola, lo lascia ai cani. Meno generosa della collega Maria Antonietta, qualche secolo prima.

Una routine fissa da anni, turbata pochissime volte da qualche nastro da tagliare e da qualche spostamento all’estero. E dalla bizzarra passione del figlio Carlo per il cibo biologico, accolta da lei con un’alzata di spalle. Come tutto ciò che lo riguarda, del resto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta