Tempo di quiz: come si risolve “l’indovinello del ponte”?

Ci sono di mezzo zombie e scienziati in fuga che devono trovare una soluzione. Non c’entra nulla con lo stretto di Messina, ma con la logica. È

Nei giorni più recenti Internet registra un calo di gattini e una contemporanea crescita di indovinelli. Alle versioni più aggiornati di “Dov’è Wally” si aggiunge anche una nuova wave, quella dei quiz di intelligenza. Stanchi di tutta quella tenerezza, gli utenti della rete ora mostrano di voler mettere alla prova le proprie facoltà logiche. Forse riuscendo, chissà.

Uno di questi è il classico dilemma del ponte, riaggiornato per comprendere zombie e scienziati. L’obiettivo è trovare la chiave logica (facilissima, invero) per risolvere il giochino: quattro persone devono attraversare un ponte prima di essere raggiunti da un’orda di zombie liberati per errore. Uno (A) ci impiega un minuto, un’altro (B) due, il terzo C) ci impiega 5 minuti e il più lento (D) ben dieci. Tutti devono salvarsi in 17 minuti, prima di essere raggiunti dagli zombie. Il problema è che il ponte non è sicuro, per cui al massimo possono passare in due. Ed è anche scuro, per cui serve una torcia che illumini il cammino. Chi la tiene deve tornare indietro ogni volta per illuminare la strada a chi è rimasto dall’altra parte e deve passare. Facile? Difficile?

La soluzione è qui:

 https://www.youtube.com/embed/7yDmGnA8Hw0/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Come è evidente, si trattava di un gioco logico molto semplice. Non tutti ci riescono, però. Pazienza per loro, andrà meglio la volta prossima. Sempre che non decidano di ritornare ad accarezzare gattini virtuali.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta