Come aggirare la censura del cinema Usa degli anni ’40

Quando era in atto il codice Hays i film prodotti negli Usa dovevano sottostare a un regolamento molto rigido. Esistevano però dei guizzi di ingegno per superarlo

Quando si parla di censura nel cinema sono solo due le parole da tenere a mente: codice Hays. È la lista severa di regole precise dettate dalla Motion Picture Association of America per rispettare la moralità nei film prodotti negli Usa. Il suo autore, che ha anche donato il nome, fu il politico Will H. Hays, direttore generale delle Poste statunitensi dal 1921 al 1922.

Un film non poteva, secondo il codice, mostrare scene “moralmente inaccettabili”, per non turbare né condizionare gli spettatori. Serviva a educare il pubblico ed era, al tempo stesso, un segno di considerazione per il potere del cinema. Gli americani non potevano vedere opere in cui vincesse il male, né in cui venisse presa in giro la legge e i suoi rappresentanti. Era proibita ogni forma di nudo, bandito qualsiasi atto sessuale, esclusa la droga. Niente parolacce, non si potevano rappresentare né parti né relazioni di adulterio, e neppure quelle tra persone di razze diverse.

Era molto difficile per i produttori, gli sceneggiatori e i registi superare le regole di condotta sancite dal codice Hays. Il bacio, per esempio, doveva avere una durata breve, anche quando era molto passionale. Non poteva durare oltre tre metri di pellicola, cioè pochi secondi. Fu aggrappandosi a questo cavillo che Alfred Hitchcock riuscì ad aggirare il codice nel film Notorious, nel 1946: i due protagonisti, Cary Grant e Ingrid Bergman alternarono brevi baci a conversazioni, a effusioni di altro tipo (mordicchiandosi le orecchie, ad esempio) e lunghi sguardi. Fu un’unica lunga scena di bacio, ma di bacio interrotto. I controllori non poterono obiettare, Hitchcock ebbe la meglio e gli spettatori videro la scena intera.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta