Fermi tutti: il pianeta rosso in realtà è blu

Secondo alcune immagini della Nasa esistono intere regioni piene di jarosite, minerale che fornisce un bel colore cianotico alla zona

Era tanto rosso da essere diventato una allegoria per parlare del comunismo. Così rosso da aver perfino dato il nome a una sfumatura di Pantone. Eppure il “pianeta rosso” per eccellenza, cioè Marte, in realtà è blu.

Non tutto, sia chiaro. Però sulla sua superficie ci sono enormi chiazze azzurre che coprono intere (e immense regioni), documentati da una serie di nuove immagini della Nasa. Ad esempio, la regione della Nili Fossae: è molto bella ed è molto blu. Lo stesso vale per la regione orientale del Noctis Labyrinthus: blu, azzurra, cianotica.


La spiegazione fornita dalla Nasa è un’alta presenza di jarosite (minerale che meriterebbe una serie di articoli dedicati), un solfato idrato basico di potassio e ferro e si ritrova in ambienti ricchi di solfati acidi, cioè condizioni per l’acqua vicino.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta