Il complotto dietro a Beyoncé: sarebbe morta e sostituita da un clone

Una bizzarria teoria gira per la rete e fa morire la povera cantante Usa. Un copione già visto con i Beatles e il povero Paul McCartney

Forse non lo sanno tutti, ma Beyoncé è morta. Al suo posto hanno messo un sosia, per evitare che il business legato alla sua persona scompaia all’improvviso. Più o meno come era già successo con Paul McCartney, ai tempi in cui i Beatles erano in ascesa: morì in un incidente stradale e i produttori, in tutta fretta, lo sostituirono con una persona che gli somigliava che fu costretta a impersonarlo per tutta la vita. E lo fa ancora.

Potenza dello showbiz. La notizia della morte di Beyoncé era stata tenuta nascosta molto bene, ma alcuni acuti osservatori della rete hanno scoperto tutto e lo hanno denunciato ai quattro venti. Come al solito, però, i mezzi di informazione si sono dimostrati complici dei poteri forti e hanno censurato la notizia. Solo alcuni eroici lottatori per la libertà e la verità riescono a trovare spazio per queste verità scomode, come il Daily Dot (che li sbeffeggia).

La questione è complessa. Prima di tutto, ci sono sospetti cambiamenti fisici evidenti che sono intercorsi tra il 2010 e il 2016 sul corpo della cantante – resi evidenti da questo accurato esame dei suoi tratti:

A questo si aggiunge una serie di comportamenti strani, tra cui una caduta. Ma proprio per chi avesse ancora qualche dubbio à la San Tommaso, c’è la confessione diretta della stessa Beyoncé: ha spiegato che Beyoncé è morta e che Sasha Fierce, cioè il suo alter-ego scenico, “fa cose che io non farei” e “non sono io”. Insomma, un enorme complotto per mantenere viva la macchina da soldi del sistema Beyoncé e, al tempo stesso, per inondare il mondo di messaggi bizzarri.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta