Party like it is Corea del Nord

Le grandi celebrazioni per il congresso del partito unico accompagnano l’incoronazione del nuovo leader nordcoreano. Ad alcuni è sembrata una festa poco movimentata

Getty Images 530214038 Master

È così che ci si diverte. Alla grande festa a Pyongyang per il congresso del partito unico nordcoreano non ci si è fatti mancar nulla: fuochi d’artificio, parate militari, parate civili, suonatori di tamburi e danze, danze danze. Con i ritmi suadenti della musica tradizionale il mondo di Kim Jong-un ha trascinato (in senso letterale) in piazza i cittadini per santificare il nuovo, carissimo, leader. È stata un’occasione per tutti, insomma: quadri del partito ed esponenti del piccolo ceto medio. E per chi, osservando tutto, poteva (doveva) applaudire. Non sono mancati i soliti critici, come il Nouvel Observateur, che la ha definita la “festa più lugubre” del mondo.

A giudicare da certe facce, forse non ha tutti i torti. Ma la risposta la può dare solo il lettore:

Tutte le immagini sono di Getty Images

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta