Cosa significa perdere il lavoro su Marte

Uno scenario futuristico e surreale per parlare di un problema molto terrestre. La delusione, la distanza degli happy few che lavorano ancora, la frustrazione e la solitudine. Succede sulla Terra, succederà anche su Marte

Il pianeta è anche rosso, ma non grazie ai sindacati. La quasi-favola raccontata in questo video racconta la surreale e dolorosa storia di un licenziamento su Marte. L’annuncio alla moglie, la negazione, le riflessioni. E le continue frustrazioni per i no, continui, da parte di un mondo del lavoro ostile, freddo e lontano.

Cosa si prova a perdere il lavoro mentre si sta su un pianeta lontano? Quali soluzioni restano? Il film, realizzato dai disegnatori americani Nick Vockey & Nate Sherman, è breve (poco più di sei minuti) ma la sua ambientazione originale mette in scena il senso di isolamento, vuoto e solitudine di chi si trova non solo al di fuori di un ambiente di lavoro, ma di un immaginario che donava un senso. Il lavoro è dignità, diceva Papa Francesco. Vale per tutti gli uomini di buona volontà di questa Terra, ma anche – a quanto pare – per quelli degli altri pianeti.