Fan o Freak? Come si esprimono in inglese le passioni

Ogni parola ha un uso specifico e preciso. Indica una particolare materia (sport, cibo, meccanica) e anche una chiara intensità. Imparare a usarle è da fanatic

Non è semplice amare qualcosa in inglese. Occorre essere esperti non solo della materia in questione, ma anche della lingua. Per esprimere i vari gradi e le diverse sfumature di entusiasmo che si provano per qualcosa, l’inglese (americano) fornisce una ricca serie di parole, da adoperare con proprietà e dimestichezza. Si può essere un aficionado, o un connoisseur, o un buff. Oppure un fan, che è diverso da fanatic, che è ancora un’altra cosa rispetto a un freak.

Come si usano? Ogni parola ha un contesto preferito, e un’area semantica più o meno distinta. Ha anche un significato diverso, una sfumatura che la rende unica rispetto alle altre. Solo il conoscitore (o il connoisseur?) riesce a divincolarsi in tutte le particolarità e a inserire quelle giuste al posto giusto.

Aficionado
Lo si usa con parole come jazz, architecture, fashion, baseball. Ma anche con art e music. È la parola da usare quando si indica qualcosa che viene goduta con tanti soldi e una certa aria arrogante.

Enthusiast
È meglio usarlo in contesti “meccanici”. Uno è un enthusiast dell’aviation, dell’auto, del computer, e dei guns. Quando uno è enthusiast è un grande conoscitore di fatti, fatterelli ed è in grado di fornire fin troppo dettagliate spiegazioni su come funzionano le cose che studia.

Connoisseur
Non si usa molto. Ma quando si usa è associata a questioni di gusto: cigar, dessert, cocktail. Un connoisseur è un esperto del sapore, ha una approfondita conoscenza sensoriale.

Buff
Di solito si usa con history e war. Il buff è uno studioso, spesso indipendente, molto pieno di sé.

Fanatic
Va con gli sport e, in misura minore, con altre passioni che possono avere gli stessi effetti di assorbimento. È più forte di buff: un fitness buff è un grande esperto su come ci si mantiene in forma. Un fitness fanatic fa molto, molto di più.

Fan
Nasce come forma abbreviata di fanatic, ma ne è anche la forma più leggera. Un fan non ha la stessa energia folle di un fanatic, e nemmeno il suo attaccamento (per una squadra, uno sport, una materia).

Freak
Più ossessivo del fanatic, ma solo in aree ben precise: la pulizia, il controllo, l’organizzazione. Ne rende evidente l’aspetto meccanico, iperpreciso di una passione tanto violenta da diventare, in certi casi, patologica.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter