Non solo Usa: come si parla l’inglese in Canada

Un popolo tranquillo e gentile con un accento buffo e diversi termini di slang che capiscono solo loro. Qui ne vengono spiegati cinque

Il mondo anglofono non si ferma a Gran Bretagna e Stati Uniti. C’è, ad esempio, anche il Canada. Popolo gentile e simpatico, tra aceri, orsi e laghi azzurri, i canadesi hanno avuto modo di sviluppare alcune varianti della lingua. O meglio, un vero e proprio slang, che lo separa dal mondo Usa e che ogni viaggiatore dovrebbe conoscere.

Pogey
Può capitare di sentirlo dire nelle regioni marittime del Canada versante Oceano Atlantico. E in alcune zone dell’Ontario. Indica la “disoccupazione” o il “sussidio di disoccupazione”. Non è chiaro da dove provenga, forse da una corruzione della parola “poorhouse”.
Esempio: “I am taking the winter off and going on pogey”.

Toque o Tuque
Si pronuncia “touk”. È un cappello di lana che si indossa di inverno. Parola nata verso la fine dell’800, nell’ambiente del commercio di pellicce gestito dai francesi con gli indiani del Quebec.
“It is really cold out there! Don’t forget to wear your toque”.

Loonie e Twoonie
Il Loonie è la moneta da un dollaro, dal colore dorato, che ha su un lato il volto della regina Elisabetta (sempre lei, sempre Commonwealth) e dall’altro una strolaga (il loon). La moneta da due dollari, entrata in circolazione nel 1996 (nove anni dopo quella da un dollaro) è stata chiamata, per assonanza, twoonie.
Do you have change for a twoonie?
Sorry, I only have a loonie on me.

Give’r o Giv’n’er
Quando si dà il cuore, ci si butta a capofitto in un’impresa, in un gesto, in un’azione. O, anche, quando si corre molto, molto veloce. La si usa negli Stati centrali del Canada: Manitoba, Saskatchewan e Alberta.
Giv’r. You just go out and you give’r. You keep working hard.

Double-Double
Si parla di caffè. Un doppio doppio, o anche un triplo triplo (triple-triple) è un caffè con due dosi di panna e due cucchiaini di zucchero. È stato inventato in una catena di caffè piuttosto popolare, la Tim Horton’s, ma è entrato nell’uso comune e ora lo si può ordinare ovunque.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta