Comunisti nello spazio: come i sovietici sognavano di colonizzare gli altri pianeti

La Rivoluzione non sarebbe rimasta un beneficio solo per la Terra, ma avrebbe coinvolto anche gli altri pianeti, grazie alla scienza e alla tecnologia sviluppate dal mondo sovietico. Le illustrazioni dell’epoca mostravano come un sogno potesse essere immaginato e disegnato

Il comunismo non avrebbe portato la pace, la prosperità e l’uguaglianza solo sulla Terra, pensavano gli utopisti del XX secolo. Ma si sarebbe diffuso e organizzato anche su altri Paesi. Sognare un altro mondo non era solo possibile, all’epoca: era un dovere. Incoraggiati dai successi scientifici della Russia – ad esempio, il lancio dello Sputnik, il 4 ottobre 1957, il primo satellite artificiale della srotia – illustratori, narratori e designer sovietici si immaginavano forme e meccanismi delle future (sono ancora future, inoltre) colonie comuniste. Erano altri tempi, la conquista dello spazio sembrava dietro l’angolo e la gara contro gli Usa, che sul pianeta Terra era troppo limitata, aveva traslocato al piano di sopra, cioè, al cielo.

Queste sono alcune delle rappresentazioni delle colonie marziane comuniste. Come si nota, il dato tecnico/tecnologico si dimostra imprescindibile. I paesaggi sono dominati da macchinari futuristici, uomini in tuta e scafandro, apparecchiature ipertecnologiche. Ciò che distingue installazioni sovietiche da eventuali colonie americane sono, ogni tanto, solo i simboli che accompagnano i razzi e le astronavi: la falce e il martello, la stella rossa. Era difficile tradurre gli ideali di uguaglianza e libertà promessi dal comunismo in architetture aliene.

Le immagini sono illustrazioni di libri di scuola: il primo raffigura due cosmonauti sovietici ritratti su Technike Molodezhi, “Gioventù Tecnologica”. Quelle successive da Station Moon, un libro per bambini degli anni ’60 e ’70, disegnate da Pavel Klushantsev.






Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta