Edifici abbandonati e degrado. Cosa resterà di queste Olimpiadi?

Ogni grande evento sportivo, salvo qualche rara eccezione, ha lasciato dietro di sé numerose rovine e luoghi distrutti. È successo ad Atene, è capitato anche in Cina

Getty Images 453209446 Master

Come tutti sanno, un bel gioco dura poco. Lo stesso vale anche per i Giochi Olimpici: durano un mese, più o meno. Coinvolgono decine di Paesi da tutto il mondo, sollevano emozioni, rilanciano questioni aperte (i rifugiati, il corpo femminile, le unioni civili, il Kosovo) e scaldano gli animi della città che li ospita. Se li si fa è perché sono divertenti, in fondo.

I problemi cominciano quando, come ogni bel gioco, anche le Olimpiadi finiscono. Medaglie e gloria a parte, cosa resta? Una grande quantità di strutture che, nella maggior parte dei casi, cadono in disuso, finiscono preda delle erbacce, si trasformano in santuari abbandonati e semi-diroccati. È successo ad Atene 2004, a Pechino 2008, e in diversi altri casi. Come spiega l’economista Andrew Zimbalist, l’unico esempio di gestione virtuosa degli “elefanti bianchi”, cioè gli enormi edifici costruiti per i grandi eventi, è Barcellona 1992. Tutti gli altri hanno registrato perdite ed edifici in abbandono. Come andrà a Rio?

Queste immagini mostrano lo stato, dieci anni dopo, degli edifici costruiti per le Olimpiadi di Atene. Si vedono i cerchi dell’Elleniki Complex, le tribune del Falerii Complex, le piscine vuote dell’Aquatic Center.

Subito sotto, le immagini dei complessi sciistici di Sarajevo 1984.

Infine, le mascotte abbandonate di Pechino 2008.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta