Esercizi fisici: non servono a nulla se si passa la giornata seduti

Camminare mezzora al giorno può essere rinfrancante per lo spirito, ma non ha effetti sulla salute del corpo. Occorre combattere il nuovo nemico del secolo: la sedentarietà

Quando si parla di attività fisica, di esercizio fisico, di movimento, si finisce – in realtà – per non dire mai nulla di specifico. Anche se esistono ormai convinzioni minime accettate da tutti (il consensus dei medici), ad esempio: “è meglio fare esercizi anziché non farli”, il problema emerge quando si entra nei dettagli: quanti? Quanto tempo? Quanto a lungo?

Come si spiega qui, è difficile raggiungere una posizione comune. E spesso, quando accade, si trascurano aspetti della questione in realtà fondamentali. Secondo la CDC (Centers for Disease Control and Prevention) una buona dose di esercizio per gli adulti consiste in 150 minuti alla settimana. Disposti in modo vario – meglio se regolare – senza particolari obblighi. È una soluzione di compromesso, che permette a tutti di muoversi un po’.

Ecco, il problema è proprio lì: nel “muoversi un po’”. La questione, come viene ribadita dall’American Heart Association, è che non basta muoversi. O meglio, che muoversi, anche 150 minuti a settimana o di più, non serve a niente se si passa la gran parte del proprio tempo seduti. Il discorso è tutto qui: gli esercizi fisici, anche se svolti ad alti livelli, non hanno effetti benefici sulla salute del corpo se, nella restante parte del tempo, si rimane fermi. Stare seduti uccide.

Più o meno è come fumare, nel senso che non si può rimediare al danno combinato. Una sigaretta fa male, e non si può fare nulla per annullarne gli effetti. Lo stesso vale per la sedentarietà: stare seduti fa male, e non si può fare nulla per annullarne gli effetti. Questo è da tenere in mente, soprattutto quando si corre nel parco mezzoretta, e si passano 10 ore in ufficio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta