L’orientamento politico delle persone è deciso dalla loro statura

Più si è alti e più si vota a destra. È il risultato, per nulla inconfutabile, di uno studio americano. Sembra più il risultato di una correlazione spuria

Pensare che l’orientamento politico delle persone dipenda dalla sensibilità, o dalla ricchezza, o dalle esperienze vissute o dall’educazione ricevuta è un vero e proprio errore. Un’autentica sciocchezza, avverte una nuova ricerca, condotta – guarda un po’ – alla Ohio State University in collaborazione con l’azienda di consulenza Bates White LLC,.

La ricerca, condotta su un campione di 9.700 persone (tutte inglesi, sia chiaro) e dati raccolti nel 2006, ha condotto a una scoperta incredibile: a decidere le posizioni politiche sarebbe la statura delle persone. Sì, l’altezza. Più si è alti, prosegue la scoperta, e più è facile che si voterà per un partito conservatore. Più si è bassi, invece, si voterà per un partito di sinistra, o progressista.

Possibile? Più o meno. La cosa importante, sottolinea la ricerca, è che non si tratta di valori assoluti, ma di valori relativi. Significa che una popolazione bassa non è, nella sua interezza, di sinistra, né una popolazione alta si traduce in un Paese nazista. Detto meglio, vuol dire che ogni 2,5 cm di altezza in più si traducono in un aumento dello 0,6% della possibilità di votare conservatore, e solo dello 0,5% della possibilità di votare a sinistra. È un dato attendibile? Chi può dirlo.

Chi legge, può verificare da sé, sia uomo che donna, facendo il test a questo link.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta