Come fa Facebook a sapere tutto di te? Una app te lo mostra

Basta scaricare un'estensione di Chrome per vedere come il social network monitori il comportamento online dei suoi iscritti. Categorie, like, scelte, amicizie: tutto viene analizzato per profilare la meglio la persona e venderla ai pubblicitari

Ma come fa Facebook, ci si chiede, a sapere in anticipo quello che vuoi vedere? Come lo capisce? La risposta è sempre la stessa: c’è un algoritmo. Bene. Ma come funziona? Cosa valuta? Quali parametri utilizza? La risposta, sempre la stessa, è: non si sa. E non si può nemmeno sapere con precisione perché è un segreto industriale. Però un’idea ce la si può fare, utilizzando – ad esempio – Data Selfie.

È una estensione di Chrome, navigatore web sviluppato da Google (per usare Google), che mostra in tempo reale come Facebook, servendosi degli algoritmi che imparano da soli per creare un’esperienza personalizzata, gli tagli su misura il contenuto che potrebbe piacergli.

La app studia le interazioni dell’utente su Facebook, “impara” le sue abitudini social (chi guarda, cosa guarda, quanto a lungo, dove clicca, cosa gli piace, quello che scrive) e ne trae le conseguenze. Più o meno così:

 https://player.vimeo.com/video/201178499?autoplay=0 

In sostanza mostra quello che fa Facebook riproducendolo, in modo più o meno esatto. Fa capire quali sono i dati sensibili, mostra quali scelte dell’utente vengono osservate e studiate, e i like ritenuti decisivi per catalogarlo (ad esempio per inquadrarne le simpatie politiche, o capire se gli piacciono i gattini o no). E può fare un po’ paura.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta