Ignoranza francese: “La battaglia di Stalingrado? È quella di Napoleone”

Intervistati fuori dalla stazione della metropolitana Stalingrade di Parigi, i passanti (francesi) dimostrano lacune storiche e geografiche imbarazzanti. Un modo per consolare gli italiani

La battaglia di Stalingrado? Fu combattuta da Napoleone. Ma il nome della città c’entra con quello di Stalin? No. Ma esiste ancora, adesso, Stalingrado? Certo che no. E se sì, si chiama San Pietroburgo. Ecco, queste sono alcune delle risposte (imbarazzanti) collezionate in questo video di Ria Novosti. Una giornalista, piazzata fuori dalla fermata Stalingrade della metropolitana di Parigi, si diverte a chiedere ai malcapitati parigini se sanno cos’è Stalingrado, e perché una stazione porta questo nome.

Qui il video. Occhio: è in francese con sottotitoli russi

Le risposte sono tentennanti: alcuni lo spiegano con la “battaglia di Stalingrado” (risposta giusta), ma sono convinti che c’entri Napoleone (risposta sbagliata: è uno degli episodi più importanti della Seconda Guerra Mondiale: avviene il tra luglio 1942 e il febbraio 1943 e vede la sconfitta delle forze dell’Asse, cioè nazisti e alleati, dopo mesi di eroica e durissima resistenza da parte dei sovietici. L’esito, favorevole ai sovietici, provocò una svolta irreversibile nelle dinamiche della guerra).

I più informati, nel video (un signore con la barba) sanno che c’entrano i nazisti, sanno che vincono i russi, ma scivolanno sull’anno – di poco però. Stalingrado esiste ancora. Ha cambiato nome in seguito alla politica di de-stalinizzazione della Russia (perché sì, il nome c’entra con Stalin). Adesso si chiama Volgograd ed è gemellata, tra le altre, con Torino, Ortona e Olevano Romano.

Tutto questo per dire due cose: la prima che, quando si tratta di fare domande a bruciapelo, è vero che gli italiani ne escono con le ossa rotte. Ma anche i francesi non stanno tanto bene. Mal comune, mezzo gaudio? La seconda è che bisogna sempre stare attenti quando si parla di Russia. A quanto pare, non se ne sa poi molto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta