Ti dà fastidio il rumore degli altri che mangiano? Potresti essere malato

Esiste un disturbo, la misofonia, che provoca battiti accelerati, dolori al capo e sudorazione. Oppure siete solo molto insofferenti di fronte a persone molto maleducate

Il rumore degli altri che mangiano? È sempre fastidioso. A cominciare da quelli che succhiano il brodo, aspirano gli spaghetti, sgranocchiano i biscotti con la bocca aperta. Capita a tutti di non riuscire a sopportarli, ed è un limite imposto dalla civiltà e dall’educazione. Se però il dolore è troppo, allora il rischio che ci sia di mezzo una condizione patologica. Se gli altri mangiando fanno rumore e tu soffri, allora il malato sei tu.

Lo sostiene una ricerca della Newcastle University: potrebbe trattarsi di un disturbo definito, alla greca, misofonia. I colpevoli sono i cosiddetti “suoni scatenanti”, (libera traduzione di trigger sound), che quando raggiungono le orecchie di un misofono provocano forti reazioni psicosomatiche: aumenta il battito cardiaco, sudorazioni sporadiche e sbalzi chimici.

Secondo gli scienziati, i soggetti affetti da misofonia, avrebbero “un meccanismo del controllo emotivo” diverso: i loro cervelli, di fronte ad alcuni rumori, moltiplicano le reazioni. In poche parole, perdono il controllo. Se si tratta invece di un disturbo momentaneo, siete solo persone normali circondate da molti maleducati.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta