Web, banche e petrolio: quali sono i marchi più grandi del mondo

I giganti del tech la fanno da padrone sia in America che – di conseguenza – nel resto del mondo. Ma salgono anche i business legati alle banche, resistono gli idrocarburi e le realtà dei servizi

Per capire l’economia globale e i suoi cambiamenti può bastare questa mappa, creata con i dati forniti da Brand Finance: illustra, per ogni Paese, il marchio nazionale di maggior valore.

Clicca qui per osservare la mappa in formato completo

Come si può subito notare (e forse con qualche sorpresa), il marchio più prezioso in assoluto è Google. Da poco ha scalzato la Apple crescendo in un solo anno del 24%: ora tocca quota 109,5 miliardi di dollari. La Apple segue, con un crollo del 26%, a quota 107 miliardi di dollari, tallonata da una pimpante Amazon, arrivata a 106,4 miliardi di dollari. Come si può vedere, è il tech il settore che, da questo punto di vista, la fa da padrone negli States. Ma, come si può notare, avviene solo negli States: è qui che le aziende legate a internet regalano i guadagni maggiori.

La Samsung, per fare un esempio, è al primo posto in Corea del Sud, ma con dimensioni molto ridotte rispetto ai giganti americani: solo 66,2 miliardi di dollari, meno di due terzi di Google (o della Apple).

Nel resto del mondo sono altri i business in crescita. Ad esempio, le banche. Il brand più forte della Cina è appunto la ICBC, a quota 47,8 miliardi di dollari, e lo stesso avviene in altri sette Paesi: Spagna (Santander), Canada (Royal Bank of Canada), Russia (Sberbank), Brasile (Itaù), in pùi Singapore, Qatar e Belgio.

E l’Italia? Condivide, insieme a Olanda, Malesia, Messico, Norvegia, Thailandia e Colombia il primato dell’idocarburo: al primo posto c’è l’Eni – la quale, però, con i suoi 12 miliardi di dollari, è solo un terzo dell’olandese Shell. Le altre compagnie sono tutte più piccole.

Infine, il terzo grande settore è quello delle telecomunicazioni: in Gran Bretagna vince la Vodafone e in Francia la Orange, così come la Telstra è il marchio più importante in Australia.

Restano, isolate, realtà come la svizzera Nestlé e la svedese Ikea. O la Red Bull in Austria e i Lego in Danimarca. Segno che, anche in settori poco battuti, si riesce comunque a costruire grandi imperi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta