Viaggio a Sevnica, il paesino dove è nata Melania Trump e che sogna ondate di turisti

La vittoria di The Donald ha acceso i riflettori su un piccolo villaggio medievale sloveno, da dove proviene la First Lady. Un documentario agrodolce e stupendo è andato a visitarlo, scoprendo i sogni, anche ingenui, dei suoi abitanti

“Adesso sanno dove siamo sulla mappa”, dicono gli abitanti della Slovenia, e più in particolare quelli di Sevnica, piccolo villaggio medievale dove è nata e cresciuta Melania Trump, la First Lady americana. “Adesso verranno tanti turisti”, per visitare “il castello, il lago, le montagne”. E, certo, anche la casa natale di Melania.

La vittoria di Donald Trump ha acceso un riflettore inatteso su uno degli angoli più sconosciuti del mondo (per gli americani). E loro, i concittadini di Melania, ne approfittano. Il suo nome è usato ovunque: esistono torte chiamate “Melania”, linee di moda intitolate “White House”. La speranza, insieme ingenua e sorridente, è che adesso qualcuno parli di loro. E magari venga a trovarli, lasciando qualche soldo (e non hanno nemmeno l’albergo!)

 https://player.vimeo.com/video/205007901?autoplay=0 

First Ladyland, il documentario della MEL Films, racconta questo piccolo mondo. Dove si intrecciano l’orgoglio di avere una concittadina che ce l’ha fatta, il sogno di ricevere un po’ di fama, anche solo riflessa, e la coscienza (in fondo) di non c’entrare nulla con Donald e la sua visione del mondo. È un sogno americano tardivo, inaspettato e tenero: un paesino illuminato da una First Lady molto lontana.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta