La nuova moda dalla Finlandia in crisi: saltare ostacoli veri con cavalli finti

Le epoche sono quelle che sono e i giochi per adolescenti si adeguano. I giovani vorrebbero avere cavalli veri, ma si devono accontentare di sostituti di legno. E diventa una moda

E poi si chiedono perché la Finlandia sia in crisi. Si parla di fallimento delle politiche di austerity, di disoccupazione in crescita (supera il 9%, che per loro è tantissimo), di costi in aumento, di disaffezione del popolo, di Pil in contrazione. E le analisi abbondano: cosa non ha funzionato? Forse la risposta va cercata fuori dai fogli economici. Si trova per strada, nelle vie dove i giovani e meno giovani hanno trovato un nuovo passatempo: l’hobby horsing. E forse è qui che comincia il declino.

Si tratta di una subcultura scandinava, diffusa tra gli adolescenti (ma soprattutto i pre-adolescenti), che li spinge a saltare gli ostacoli tenendo tra le gambe un cavallo-bastone. Per capirsi, è questa cosa qua:

Di fronte a queste immagini verrebbe spontaneo dare lezioni di civiltà: andare per le strade e per i giardini a cavalcare finti cavalli di legno, anche se viene fatto da bambini, non è edificante. Ma visto che ormai la Finlandia è, più o meno, la Grecia del nord, viene anche da provare compassione. I giovani finlandesi vorrebbero anche un cavallo vero, ma forse le condizioni economiche non sono più ottimali. Forse, soltanto, non se li possono permettere e allora se li costruiscono, li creano, li immaginano. E sognano così, saltando ostacoli.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta