Una storia antica e dimenticata: le donne nella pirateria

Non tutti lo sanno, ma ci furono anche donne che si infiltrarono, sotto mentite spoglie, tra le ciurme che battevano i sette mari. Alcune di loro erano ferocissime e cattive

Dietro a un grande pirata si nasconde sempre una grande piratessa. Una verità spesso tenuta celata: se tutti ricordano i nomi di Barbanera o di Capitan Kidd, sono esistite numerose donne-pirata che hanno accompagnato i loro colleghi nei sette mari alla ricerca di navi da depredare e tesori da scovare.

Qualche nome? Anne Bonny, o Mary Read. Come spiega lo storico Marcus Rediker, erano in tante e tutte travestite da uomo, nella tradizione “del cross-dressing, paneuropea nelle sue dimensioni, ma forte in modo particolare in Inghilterra e in Olanda”. Per essere più precisi, si trattava di persone disperate. Emarginate e dimenticate, avevano una sola possibilità per sopravvivere. Imbarcarsi e partire. Ma visto che la pirateria, come molte altre attività dell’epoca (compreso il teatro) era un “mestiere per uomini”, erano obbligati a fingersi maschi.

Succede. Oltre alle durezze della vita di bordo, con tanto di difficoltà fisiche, i marinai pensavano che portassero sfortuna e, in generale, causassero disordini e ammutinamenti. Lo pensavano anche i pirati, che pure erano interessati solo al profitto, condividevano questa lettura. Le donne indeboliscono le strategie, rovinano gli attacchi e suscitano discordia nella ciurma. Meglio senza.

Questo però non impedì a certe coraggiose di indossare abiti maschili e imbarcarsi lo stesso. Ad esempio la succitata Anne Bonny si distinse per atti di grande crudeltà. Uccise alcuni compagni per la loro codardia, mentre la collega Mary Read fece secco un nemico del suo fidanzato in duello. Esatto, il suo fidanzato: la verità è che a un certo punto le donne si trovarono entrambe costrette a rivelare la loro identità e, anche grazie al loro coraggio, vennero accettate nonostante il loro genere. Alcune di loro, con furbizia, ricorsero alla carta “ma io sono una donna” per sfuggire a qualche punizione, facendo appello a vere e presunte gravidanze.

“Non sapremo mai quante donne-pirata sono esistite”, conclude lo studioso. Di sicuro, però, “aggiunsero una dimensione del tutto nuova al fascino sovversivo della pirateria, impossessandosi di quella che, allora, era considerata libertà per uomini”. In un certo senso, compivano un atto di pirateria sulla pirateria stessa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta