Come spostare una sequoia, mostrato in un video

Nessuna radice è inviolabile, nessuna pianta è obbligata a rimanere dove è nata. Perfino dei giganti come le sequoie. Ma come è noto, questo fenomeno non vale in politica

MARK RALSTON / AFP

Niente è davvero radicato: nemmeno una sequoia. Lo dimostra questo filmato girato a Boise, in Idaho (Usa): mostra degli operai che estraggono e spostano l’albero gigante in pienanotte.

Non è una bravata notturna. Il trasloco era stato deciso da tempo: dalla sua zona originale, vicino all’ospedale di St. Luke, il vecchio albero di circa 105 anni dal peso considerevole (circa 362 tonnellate) è stato spostato di poche centinaia di metro. Era lì dal 1912 da un seme piantato dal difensore delle foreste, il signor John Muir.

Come si può notare, spostare una sequoia non è facile. Ci vogliono nastri trasportatori, piccole mongolfiere, cavi ben disposti. Anche la manovra richiede una certa attenzione: occorre imbragare la pianta ma anche buona parte delle sue radici. Ma a quanto pare ci sono riusciti. E la morale è semplice: spostare una sequoia non è impossibile. Sradicare Prodi sì.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta