Evitate le auto che si guidano da sole: lo dice un film del 1911

Un antico cortometraggio mette in luce i pericoli di una macchina guidata da un robot. Tra effetti speciali e viaggi sulla Luna, i malcapitati passeggeri passano mille guai

Lo sapevano già cento anni fa: l’auto che si guida da sola è pericolosissima. Tanto che, per sensibilizzare le anime del futuro, hanno perfino fatto un film. Si intitola “The automatic motorist”, girato nel 1911, e mostra le peripezie di una coppia di sposini che va in viaggio di nozze a bordo di una macchina guidata da un automa.

Il film è simpatico, lo ha girato Walter R. Booth, che era anche un mago dura circa sei minuti e si può guardare tutto qui (o anche qui sotto).

Come si vede, all’inizio tutto sembra andare per il meglio. Gli sposi sono felici, l’auto romba per le strade e il robot guida tranquillo. Poi, a un certo punto, interviene un vigile e il robot la prende male. Il vigile sembra chiedere i documenti e, in tutta risposta, l’automa lo scaraventa per terra. A quel punto cominciano i guai: la macchina comincia a correre all’impazzata per evitare l’inseguimento della polizia.

Prima supera la cattedrale di S. Paul a Londra, poi si trova a girare sulla Luna, poi ancora salta su Saturno, fa lo slalom sui suoi anelli, entra nel pianeta, incontra alcuni alieni, cascano nell’atmosfera dellaTerra, finiscono in acqua e, alla fine, di nuovo in strada. A quel punto, però, il robot ha smesso di funzionare e gli sposi possono godersi la luna di miele.

Il filmato è giocoso e rientra nel pieno del canone dei trick film, cioè cortometraggi pieni di effetti speciali per stupire e divertire il pubblico. Qui la trama, esile fino a essere quasi inesistente, è solo un pretesto, contano le scene. La morale, però, c’è: evitate, fino a che potete, le auto che si guidano da sole. Per un secolo hanno obbedito. Adesso, si vedrà.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta