Le abitudini strane delle persone celebri (da non imitare)

Da Benjamin Franklin a Bill Gates, passando per Voltaire, Henry Ford e... Donald Trump. Le persone famose e i loro tic, raccontati in un’infografica

Quando deve risolvere un problema, il fondatore della Microsoft si mette sulla sedia a dondolo. Il suo collega Steve Jobs, invece, piangeva (lo faceva tante volte, per scaricare la tensione). Per andare in tempi più lontani, Benjamin Franklin, uno dei padri fondatori degli Stati Uniti, passava almeno due ore nudo davanti alla finestra (per sviluppare la resistenza del suo corpo). A quanto pare, ogni uomo di successo ha le sue stranezze. Secondo alcuni, anche queste hanno contribuito a farli diventare celebri. Secondo altri, no: tutti hanno qualche fissa, qualche bizzarrìa particolare. Non solo i grandi. E la differenza tra loro e noialtri non sono le stranezze. (È il successo).

In ogni caso, questa infografica svolge un lodevole compito. Con semplicità, raccoglie le abitudini più curiose di persone note e di vere e proprie celebrità della storia. Insieme a Bill Gates e Steve Jobs (doverosi omaggi ai potenti dell’attualità) figurano anche Voltaire, Benjamin Franklin, Thomas Edison e Henry Ford. Special guest: Donald Trump, noto per la sua germofobia. Ma il più curioso di tutti è Yoshiro Nakamatsu. Forse non è famoso, ma è senza dubbio importantissimo: è grazie a lui che sono nate almeno 3mila invenzioni. Tra cui l’antico floppy disk.

Clicca qui per vedere l’infografica completa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta