Il paradosso africano: pochissime automobili ma tantissimi incidenti. Perché?

Nonostante ci sia solo il 2% del parco auto mondiale, si registra il 24% delle vittime del 2016. Colpa di regole scarse, guidatori incapaci, veicoli vecchi, alcol e corruzione. Meglio l’aereo

Le strade africane? Le più pericolose del mondo. Lo dice uno studio dell’Oms: nonostante nel continente nero ci sia solo il 2% del parco automobilistico mondiale, il 24% delle vittime del 2016 provengono tutte da lì.

Al primo posto di questa triste classifica c’è la Libia, che supera in termini assoluti anche Venezuela e Thailandia. Poi sono solo Paesi africani: Malawi, Liberia, Congo, Tanzania e Repubblica Centrafricana. Segue il Rwanda, poi una breve parentesi mediorientale – fa capolino l’Iran – e ancora Mozambico, Burundi, Togo, Sao Tomé e Burkina Faso.

Tutta colpa, spiega l’Oms, di vari fattori: regole troppo leggere e mai fatte rispettare, guidatori indisciplinati, qualità aberrante delle strade e delle automobili (spesso sono modelli vecchissimi),e un numero molto alto di pedoni per strada – maggiore rispetto al resto del mondo. Tutte queste cose contribuiscono a rendere l’Africa l’inferno degli automobilisti.

Del resto, fanno notare diversi studi, nemmeno i governi dei Paesi sono molto preoccupati di ciò che succede nelle strade. In Nigeria, Egitto, Etiopia, Tanzania, Camerun, Marocco e Tunisia, per esempio, non indossare la cintura non è considerato passibile di multa. E poi, anche volendo, non ci sarebbero le risorse per fare rispettare la regola, dal momento che, tutt’intorno, ci sono altri problemi.

È una questione, oltre che di mezzi, anche di disciplina. Il Senegal, per esempio, ogni anno vede morire 500 persone per incidenti. La qualità delle strade, però, è anche buona (sono state rinnovate da Abdoulaye Wade). Sono i conducenti il vero problema, e la loro incapacità di guidare in modo sicuro (celebre in tutta l’Africa).

Un altro motivo è la corruzione dilagante: i poliziotti, anziché controllare che le regole siano rispettate e i mezzi siano sicuri, preferiscono intascare mazzette e lasciare circolare catorci. Uno dei Paesi simbolo di questo problema è il Ruanda, che ha cercato di contrastare la microcorruzione degli agenti con una serie di iniziative del governo. Conta anche il consumo di alcol, che in Sudafrica è una piaga ed è una delle cause principali di incidenti nel Paese.

Insomma, la conclusione è che, se si può scegliere, per spostarsi in Africa – visti anche i progressi delle compagnie aeree, forse la cosa migliore, per chi può permetterselo, è volare. In automobile ci si mette di più e si rischia, davvero, la vita.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020