Jeff Bezos senza limiti: nel futuro di Mr. Amazon c’è la rivoluzione dello spazio e del tempo

Ha stravolto i modelli di business dei mercati più consolidati nel giro di vent’anni, dai libri a tutto ciò che è commerciabile. Il suo futuro? Negozi senza casse, consegne coi droni, ma anche viaggi interstellari e un orologio che dovrà durare diecimila anni

DREW ANGERER / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Disruptive. Dirompente. È questo l’aggettivo che ricorre più spesso quando si parla di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, Re Mida dello stravolgimento dei business model più consolidati, dalle librerie ai supermercati, fino alla ricerca nello spazio. 53 anni e un patrimonio da 90 miliardi di dollari, da anni in vetta alle classifiche di Forbes, è tra le cinque persone più ricche del pianeta e il candidato più papabile a soffiare il primato a Bill Gates.

La sua è una storia da sogno americano: figlio di una ragazza madre, adottato dal nuovo patrigno, immigrato cubano, brillantissimo a scuola, una carriera fulminea a Wall Street, lasciata a trent’anni per fondare la sua startup. Era il 1994. «Avevo un lavoro stabile, un ottimo stipendio, con bonus e tutto il resto», ma anche questo progetto di fondare il primo negozio online dove fosse possibile vendere libri, ovunque. «Ne parlai con il mio capo, una persona che stimavo moltissimo. Mi portò a fare una lunga passeggiata a Central Park. “Mi sembra una splendida idea di business”, mi disse, “per qualcuno che non abbia già un lavoro stabile…”».

Continua a leggere su Morning Future

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta