Il codice verde di Matrix? In realtà erano ricette di sushi

Sembravano numeri e simboli messi a caso, ma non è così. Si trattava della ricomposizione di un libro di ricette giapponesi della moglie di uno dei grafici del film

Numeri e lettere senza senso. Questa è la risposta che, finora, si erano date le poche persone che si erano chieste cosa fossero, in realtà, quei codicini verdi che scorrevano all’impazzata sugli schermi di Matrix. Ebbene, si sbagliavano.

Secondo alcune rivelazioni, avvenute circa vent’anni dopo l’uscita del primo episodio della trilogia delle sorelle Wachowski (ma all’epoca erano ancora i fratelli Wachowski), il codice era composto da caratteri giapponesi provenienti da un libro di cucina, di proprietà della moglie di uno dei grafici del film, Simon Whiteley.

“È una cosa che adoro raccontare”, spiega l’uomo alla Cnet. “Il codice di Matrix altro non è che una ricetta di sushi”, e ridacchia. I caratteri erano stati scannerizzati e scomposti, per evitare che il pubblico giapponese, vedendo il film, mangiasse la foglia (o meglio, l’alga).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta