L’uomo che volò nei cieli del Sudafrica con 100 palloncini

Un’impresa piuttosto pericolosa. A oltre due chilometri d’altezza, ha viaggiato per 24 chilometri, mentre i palloncini sopra di lui scoppiavano in allegria. È andato, per sua fortuna, tutto bene

Da non fare a casa. Un buontempone britannico, Tom Morgan, ha deciso – vinto dalla noia e ispirato dai film di Walt Disney – di munirsi di 100 palloncini di elio e di lasciarsi sollevare in aria. Spinto dal vento sudafricano, dove ha tentato l’esperimento, è arrivato a due chilometri e passa d’altezza e ha viaggiato per 24 chilometri. In pieno relax.

Non è stato un gioco improvvisato, però. L’uomo, pur restando seduto sulla sua comoda soggiolina, manteneva l’equilibrio con un sapiente uso di bidoni d’acqua. Quando serviva, ne rovesciava un po’, o ne trasferiva il contenuto, per non farsi travolgere dai venti. Il viaggio, ha dichiarato il 38enne alla BBC, è stato “magico”.

Il vero problema era trovare un periodo di bel tempo abbastanza lungo per non rischiare troppo. A volo iniziato, poi, la sua preoccupazione era tenere d’occhio i palloncini, che raggiunta una certa altezza, cominciavano a scoppiare come bolle d’acqua. Alla fine, si è trattato soltanto di planare e l’atterraggio, anche abbastanza morbido, è avvenuto in un campo di grano.

 https://www.youtube.com/embed/-gFOiGooSas/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Ci avevano provato mesi prima, Tom e i suoi amici, in Botswana. Ma ogni tentativo era fallito. Stavolta, in Sudafrica, ce l’hanno fatta. Ora sarà dura tornare alla vita da ufficio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta