Il futuro è già qui: Dubai mette in servizio il primo poliziotto robot

Alto due metri e pesante 100 chili. Un deterrente per chiunque voglia delinquere. Si è sempre detto che il potere fosse senza sentimenti, questa volta lo è davvero

Sono alti due metri, pesano 100 chili e sono cattivissimi. Anzi, peggio: non conoscono le emozioni. Sono i robot-poliziotto che Dubai ha deciso di inserire per rafforzare le proprie forze dell’ordine. Facendo un salto nel futuro con ritorno, hanno creato un Robocop inquietante che pattuglierà centi commerciali e zone turistiche.

Lo sbirro automatizzato, che secondo le previsioni costituirà il 25% della polizia del Paese entro il 2030, è in grado, grazie all’intelligenza artificiale e al riconoscimento facciale, di individuare i criminali (segnalati) nella zona. È dotato di telecamere incorporate, sa riconoscere, quando le vede, le emozioni sui volti (consiglio: se lo incontrate, sorridete sempre), e capisce il linguaggio del corpo e le gestualità. È anche aperto al confronto, però: dispone di un tablet su cui chiunque può riportare una denuncia o segnalare un sospetto e, addirittura, parla sei lingue.

 https://www.youtube.com/embed/mcAgJXlZWTY/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Insomma, un poliziotto perfetto: meccanico, senza emozioni e instancabile. Un po’ pericoloso, però, nel suo essere implacabile e non-umano. Non è un futuro distopico, certo. Ma è difficile che, fosse stato vivo, Pasolini avrebbe solidarizzato anche con lui.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta