Presto avremo anche le stelle cadenti on demand

Stanchi di aspettare senza vedere niente? Tra poco basterà pagare e un’azienda giapponese organizzerà nel cielo, solo per voi, lo sciame di meteore che desiderate

Vedere le stelle cadenti tra un po’ sarà molto più facile. Basterà alzare gli occhi al cielo e aspettare che lo sciame cosmico organizzato grazie all’azienda giapponese Ale si manifesti all’ora e nel luogo prefissati. Proprio così: sono in arrivo le stelle cadenti on demand, per chi ha tanti desideri da esaudire e poco tempo da sprecare a San Lorenzo.

L’idea appartiene a Lena Okajima: nel 2019 la sua azienda, la Ale, appunto, produrrà un satellitino che, una volta in orbita, ricreerà il fenomeno lanciando dei pellet speciali in mezzo all’atmosfera, calcolando ora e luogo specifici per lo spettacolo. Addirittura, su richiesta del cliente, possono determinarne anche il colore, la grandezza e la durata (da cinque a dieci secondi) della scìa.

 https://www.youtube.com/embed/BXMuLL8z63w/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

La presentazione avverà a breve, nel corso di una Shooting Star Challenge. Un satellite, in orbita a circa 500 chilometri di distanza dal suolo, sarà lanciato sopra l’Australia. Da lì invierà dei pellet sul Giappone, che impiegheranno circa 15 minuti per cadere su Setuchi, zona di Hiroshima, e cominciare a bruciare. Come si dice qui, hanno scelto la città proprio perché “è molto popolare, lo scenario è carino e i cieli sono sempre molto chiari” (quest’ultima è la ragione che convinse, all’epoca, anche gli americani). Se funziona, con ogni probabilità la rifaranno anche in occasione delle Olimpiadi di Tokyo del 2020.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta