Cosa fare se la Apple rallenta il tuo iPhone

Tre rimedi per combattere contro la necessità di aggiornare il sistema e vedersi bloccare la batteria, e spuntarla contro il gigante di Cupertino

Ora è ufficiale: la Apple rallenta i suoi iPhone più vecchi con i nuovi aggiornamenti. Un sospetto confermato dalla stessa azienda di Cupertino. E ora che si fa? Passato il momento dello scandalo, del complotto, del “lo sapevo”, occorre passare a una fase più costruttiva: ad esempio, cercare di porre rimedio al trucco e allungare la vita al proprio telefono.

Ma come? Prima di passare all’Apple store per comprare un nuovo telefono, si possono sperimentare alcuni accorgimenti. Prima di tutto, smettere di ricaricare il telefono di notte. Non perché sia pericoloso, ma perché la batteria, fin dalla prima carica, comincia a perdere forza. Per evitare che si atrofizzi occorre limitare il tempo di ricarica.

Dopodiché, se proprio non si riesce a intervenire, sarà necessario un intervento diretto. Andrà a discapito della garanzia (se sarà ancora valida) ma cambiare la batteria sarà molto più economico che comprare un altro telefono. Esistono diversi centri cui rivolgersi per l’operazione (i più arditi la possono anche effettuare da soli, seguendo video tutorial su Youtube).

Infine, se nemmeno questo funziona, la soluzione migliore è cambiare telefono. Ma attenzione: non prendendo un nuovo device della Apple, ma cercando tra le varie alternative, meno care e comunque valide allo stesso modo. Del resto, se un’azienda rallenta apposta i telefoni più vecchi per spingerti a comprare quelli nuovi, non sembra avere al primo posto (via, nemmeno al secondo) il rispetto e la cura del cliente. E, per questa ragione, non ne merita neanche un po’.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta