Sette modi in più per dire “no” in inglese

Dedicato a tutti quelli che non considerano mai "no" una risposta. C’è anche "no way", o "negative", o "nope" e così via: la lingua inglese è ricca, anzi ricchissima, di espressioni di diniego

C’è gente che, di fronte ai “no” ricevuti, non si ferma. Può essere una cosa positiva, se cercano di portare avanti un’idea, un progetto che farà del bene all’umanità e cambiano l’ordine delle cose. Può essere una cosa negativa se, invece, insistono in alcuni atteggiamenti fastidiosi e, alla lunga persecutori, nei confronti di altre persone (l’esempio più semplice è quello di corteggiatori/corteggiatrici indefessi e insopportabili).

Bene, l’inglese è una lingua ricca e consente, oltre alla semplice e standard risposta “no”, almeno altre 21 variazioni. Qui si presentano le sette più interessanti:

Uh-uh; quel suono a metà tra “a” e “u”, un po’ nasale, che si usa anche in italiano. La sua prima apparizione scritta risale agli anni ’20.

Nix; forma di slang vittoriano che somiglia molto al tedesco nichts, cioè “niente”, che anche in Germania diventa, nella scritta abbreviata, nix.

Nope; una forma colloquiale nata nel XIX secolo, insieme all’affermativo yep, per dire “no” con il gusto di aggiungere, non si sa perché, una “p”.

No way; per molti è uno slang, per i più informati è, invece, un uso piuttosto antico, che risale almeno al 1700.

No way, José; chissà perché, a un certo punto, si è cominciato ad aggiungere il nome José, a parte la chiara (quasi) rima che aggiunge sapore e forza al rifiuto. È un uso piuttosto recente, la cui prima attestazione risale al 1979.

Negative; racchiude in sé uno spirito militaresco, da comunicazione tra soldati e ufficiali, con ogni probabilità nato per rendere più chiare possibili le comunicazioni alla radio.

No siree; una forma imparentata con sir, ma che deriva, in realtà, dal cinquecentesco sirrah (molto usato da Shakespeare) che deriva da “sir + un suffisso molto arbitrario”, e usato per rivolgersi a uomini o ragazzi mostrando un certo disprezzo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta