E in Russia creano una stazione per un solo passeggero: una studentessa

Succede nella (lunghissima) tratta tra San Pietroburgo e Murmansk, dove una ragazzina, per andare a scuola, doveva approfittare delle pause non ufficiali del convoglio e salire insieme agli operatori della linea. Ora c’è uno stop apposta per lei

Una stazione nuova creata apposta per un unico passeggero. Anzi, una passeggera. La quattordicenne Karina Kozlova per anni, per poter andare a scuola, è stata costretta a dipendere dalle pause lungo il percorso – non ufficiali – del treno da San Pietroburgo a Murmansk. All’altezza di Poyakanda, un villaggio di poche case tra i geli del circolo polare artico, i convogli erano soliti fermarsi per permettere ai controllori di darsi il cambio.

Lei, accompagnata dalla nonna e da qualche compagno di classe, saliva insieme a loro per andare fino a Zelenoborsky, a tre ore di distanza, dove c’è la scuola più vicina e un paesaggio come questo:

Ora le cose sono cambiate. Karina è l’unica bambina rimasta nel villaggio, nessuno fa più il viaggio con lei. Ma per venirle incontro, almeno secondo quanto scrive il giornale russo Gudok, le ferrovie hanno deciso di introdurre una fermata apposita e ufficiale: quella di Poyakanda.

Lei, che da bambina doveva adeguarsi alle necessità di orario dei lavoratori dei treni, ora vede i treni che le offrono la possiblità di arrivare in tempo a scuola e tornare a casa, ogni giorno, senza fare troppo tardi la sera (negli anni precedenti poteva addirittura arrivare alle 21).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta