Voglia di internet? Nel 2019 porteremo il wi-fi anche sulla Luna

È un piano organizzato da quattro grandi aziende globali. La prima missione lunare realizzata con fondi privati permetterà di ricevere fotografie della superficie del nostro satellite in hd

Non vi funziona il wi-fi? Presto ne potrete trovare uno buono sulla Luna. È l’obiettivo del 2019: quattro aziende hanno deciso di unire le forze e portare il 4G sul nostro satellite in modo da inviare senza troppi ritardi sulla Terra le immagini di HD della superficie lunare.

Un’idea balzana? Eccome. Dentro ci sono aziende come Vodafone, Nokia, Audi e la tedesca PTScientist che hanno messo insieme il know-how (ma soprattutto i soldi) per dare il via alla prima missione lunare fatta con fondi privati. Il tutto per piazzare alcune telecamere e far girare quattro rover a caccia di nuove immagini, che saranno mandate lassù usando un razzo SpaceX Falcon 9.

Per giustificare tutto questo, la missione include anche la ricerca del sito originale dell’atterraggio dell’Apollo 17 (dove non troveranno la bandiera piantata dagli astronauti americani), per poi lasciarlo indisturbato – sempre che non sia stata tutta una bufala, come sostegono alcuni complottisti. Il tutto per festeggiare i 50 della prima spedizione.

Ma quale ragione (vera) spinge le multinazionali a questa bizzarra riedizione della corsa allo spazio? “Lo sviluppo di nuove tecnologie spaziali in grado di raccogliere, immagazzinare, processare e mettere in collegamento i dati. E far avanzare l’infrastruttura richiesta da accademici, industrie e istituzioni educativi per le ricerche lunari”, spiegano. Il tutto in vista di un progetto ancora più grande, cioè “far lasciare la Terra all’umanità”. E per questo servono infrastrutture adeguate anche fuori dal pianeta. L’idea di cominciare dal wi-fi forse rivela un filo di confusione sulle priorità.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020